Jersey History

Tutto iniziò in un’isoletta nel canale della Manica, che si chiama appunto Jersey, dove da sempre le maglie dei pescatori erano fatte  di un tessuto morbido e duttile come la maglia, ma più resistente, più soft, più facile da lavorare..
Trovò poi applicazione nella biancheria intima e non uscì allo scoperto fino al 1916, quando la grande Coco Chanel dette scandalo iniziando ad usarlo per abiti morbidi che si muovevano con il corpo e che non avevano bisogno di troppe cuciture. Con il Jersey gli abiti seguivano la linea del corpo invece di costringerlo in forme innaturali.

Da allora non ha conosciuto un periodo oscuro, dalla maglieria supersexy degli anni 40 alle T-shirt sportive degli anni 50. Negli anni 60 poi, il Jersey è stato grande protagonista con le stampe quasi psichedeliche di Emilio Pucci e lo stile “modernista-spaziale “ di Courreges. E poi nell’epoca hippy, il tessuto ha vissuto un periodo di grande fantasia e libertà, con la maglieria di Missoni ed i morbidi drappeggi della stilista inglese Jean Muir, soprannominata non a caso la regina del Jersey.

E gli anni 80? come dimenticare le maglie con il collo tagliato di Jennifer Beals in Flashdance e i leggings di Madonna? E per parlare di moda più “alta” il Jersey stretch strutturato di Azzedine Alaia o la versione soft di Romeo Gigli o i supersexy wrap dresses di Diane von Fustemberg o lo stile palestra chic di Norma Kamali?
E così fino ad oggi, passando dallo storico abito in maglina di seta “cucito” con spille da balia disegnato da Versace che ha reso famosa Elizabeth Hurley al minimalismo intellettuale di Margiela, Ann Demeulemeester e Raf Simmons.
Dal 1993 Patrizia Pepe propone in tutte nelle sue Collezioni un morbidissimo Jersey di Viscosa stretch che riassume ed esalta tutti i possibili utilizzi del tessuto sperimentati fino ad oggi. Dalle T-Shirt con le Borchie a quelle super sexi con le spalline con le piume, al miniabito che lascia la schiena nuda a quello super raffinato con il filo di ferro inserito nel bordo, alla tuta con le ruches… tutto su THE STORE.

Share This Post

2 Comments

  1. dentist in cornwall ny - 05/05/2013

    Generally I do not read article on blogs, but I wish to say that this write-up very compelled me to try and do so!
    Your writing taste has been amazed me. Thanks, quite great post.

  2. Aimee - 19/05/2013

    Hey there! This pοst couldn’t be written any better! Reading this post reminds me of my good old room mate! He always kept talking about this. I will forward this page to him. Pretty sure he will have a good read. Thank you for sharing!

Leave a reply